MENU

07.02.2014 Comunicato Stampa 1 Mappe #3

16 dicembre 2014 Visualizzazioni: 315 Press zone

COMUNICATO STAMPA N°1

 

CIELO LECTURES

Dialoghi di Architettura e Design

 

Incontro con

MARCO PIVA

 

Presentazione di

MAPPE N°3

 

Monteroberto, Showroom Gagliardini

7 febbraio 2014 alle 18

 

E’ dedicata al design e al made in Italy di eccellenza – traccianti principali del progetto Mappelab, insieme all’architettura  – la presentazione di MAPPE N°3, la rivista edita dal gruppo Gagliardini di Monteroberto. Saranno l’architetto Marco Piva – fondatore dell’omonimo studio con sede a Milano e filiali in Russia, Medio Oriente, Cina e India –  e Ceramica Cielo SpA gli ospiti speciali con cui discutere le prospettive e le sfide della professione, le opportunità dei mercati per i segmenti di qualità delle produzioni manifatturiere italiane, le nuove politiche di progettazione, promozione e vendita legate ai prodotti per la casa e l’ospitalità, hotellerie, contract.

L’iniziativa, curata da Cristiana Colli e realizzata in collaborazione con Ceramica Cielo Spa e con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti della provincia di Ancona, di ADI MAM e Inarch Marche, si svolgerà venerdì 7 febbraio 2014 alle 18 nella sala conferenze dello showroom Gagliardini a Monteroberto. Dopo i saluti di Vittorio Gagliardini – editore di Mappe – e di Alessio Coramusi – AD di Ceramica Cielo SpA– avrà inizio la lecture di Marco Piva legata i temi che ha sviluppato nella sua lunga carriera di architetto e designer, autore di importanti realizzazioni in Italia e nel mondo. Le sue esperienze professionali – e lo standing del suo studio – spaziano dal residenziale al contract, dal masterplannin all’interior design fino alla frontiera dell’industrial design con importanti marchi, alcuni campioni del made in Italy: A Project, Altreforme, Arflex, Arpa Industriale, Bross, Cabas, Colombo Design,  Confalonieri, Corinto, De Majo, Deko, Ege, Estro, Frati, Gaggiolini, Gattoni Rubinetteria, Gervasoni, Kvadrat, iGuzzini Illuminazione, L’Abbate, La Murrina, Lamm, Lapis, Leucos, Lithea, Marioni, Meritalia, MisuraEmme, Moroso, Nito, Novello, Oikos, Omnitex, Pierantonio Bonacina, Poliform, Potocco, Rapsel, Reflex, Schonhuber Franchi, Serralunga, Sicis, Sirrah, So Far So Near, Stella Rubinetterie, Tisettanta,  Unopiù, Up Group, Valpra, VDA, Zonca, Jacuzzi. Non mancano autentici must come la collaborazione con la maison Bulgari per cui è stata realizzata la tipologia di vetrina e di comunicazione del brand per gli shop di tutto il mondo. Sul fronte hotellerie le collaborazioni esibiscono una grande varietà dell’offerta, si va dal format tradizionale di differente status e clientela alle forme ibride residenziali per i paesi emergenti e per tipologie di clientela  business e  cosmopolita, oltre che turistica – come il Laguna Palace a Mestre, il Port Palace a Montecarlo, l’Hotel Mirage a Kazan e il complesso residenziale Rawdhat Residential Buildings ad Abu Dhabi, ancora in costruzione.  Con l’architetto, interverrà Armando Bruno, il general manager dello Studio Piva che porterà una testimonianza legate al progressivo livello di terziarizzazione trasversale – in tutto paragonabili alle imprese della manifattura – cui oggi sono chiamate queste strutture professionali per restare competitive nel mercato internazionale dell’alta consulenza. Alla qualità progettuale infatti occorre affiancare reti di competenze e di relazione capaci di reggere la concorrenza globale – dall’engineering alla progettualità eco-sostenibile, dall’aggiornamento continuo sulle materie e le tecniche fino alle contaminazioni con le reti culturali che innervano le comunità, i territori e le città del mondo. L’incontro sarà preceduto dalla presentazione di Mappe N°3 a cura di Cristiano Toraldo di Francia – il direttore editoriale della rivista. In questo numero si conferma lo sguardo aperto e trasversale, capillare e virale attento a restituire le forme classiche e quelle emergenti del progetto contemporaneo marchigiano e adriatico. Per il tramite di quelle discipline che nella loro transizione aiutano a comprendere ciò che accade alla comunità territoriale – architettura, restauro, design, fumetto, ma anche cultura visiva e web, attività dell’associazionismo culturale, eventi, storie di impresa. In questo numero il racconto è per la dinastia Fiorini, a partire dal ricordo del fondatore per arrivare alle due imprese, entrambe leader continentali nel proprio segmento di mercato, portate avanti rispettivamente dai figli, Giuseppe e Luigi Fiorini. Con una novità, la cucina e la ricetta d’autore come progetto creativo, formale, culturale: primo ospite lo chef Mauro Uliassi. Infine, osservatori sono stabili sulle discipline le rubriche a cura di INU Marche e ADI MAM, e gli sguardi critici sull’editoria e l’arte contemporanea di Manuel Orazi e Andrea Bruciati.

 Siamo lieti di avere ospite un progettista del profilo di Marco Piva: la sua presenza – insieme alle riflessioni e alle esperienze di cui è portatore – ci conferma nei nostri investimenti culturali e professionali sulla rivista, su Mappelab e sul Demanio – dice Vittorio Gagliardini . Tutta la nostra ricerca, le scelte e le attività sono orientate a creare occasioni di conoscenza, relazione e approfondimento utile alla qualificazione del progetto, e dell’azione del progettare prima, del costruire dopo. Ogni nostro appuntamento è una tappa in direzione della valorizzazione della qualità architettonica e del progetto culturale, nelle sue tante e sempre più intriganti rappresentazioni.”

PER INFORMAZIONI

Cristiana Colli cell  +39 335 5349386 e-mail  cristianacolli@gmail.com

Gagliardini    tel  0731702994  www.gagliardini.it ; www.mappelab.it

 

Allegato N°1

 

Biografia Marco Piva

Profilo dello Studio Marco Piva

 

MARCO PIVA

 

L’architetto Marco Piva – tra i fondatori dello Studiodada Associati un protagonista del Radical Design – apre nel 1980 lo Studio Marco Piva, una realtà professionale strutturata per continui cambi di scala – dai grandi progetti urbani e architettonici al contract, dalla progettazione d’interni al disegno industriale. Marco Piva è stato dal 1987 al 1990 membro del  Board di ADI, e negli stessi anni commissario italiano alla CEE per il Progetto Sprint – innovazione e trasferimento tecnologico, e animatore – e membro di EDEA – European Design Expert Association; dal 1999 alla libera professione associa un’intensa attività accademica in prestigiose università italiane e internazionali. Molte sono le realizzazioni su aree residenziali e urbane – dall’innovativo Next 21 a Osaka al complesso Porto Dubai, all’area del  Porto fluviale di Novosibirsk in Russia;  gli interventi su hotel e strutture di ospitalità tra le più celebrate per il loro contenuti tecnologici e formali – il Laguna Palace a Mestre, il Port Palace a Montecarlo, l’Hotel Mirage a Kazan, l’Una Hotel di Bologna, il T Hotel di Cagliari, Il Move Hotel a Mogliano Veneto, il complesso multifunzionale Le Terrazze a Treviso. Per il Gruppo Boscolo realizza le Suites dell’Exedra di Roma, il B4 di Padova e il Tower Hotel di Bologna; a Dubai, su Palm Jumeirah, ha progettato il Tiara e l’Oceana Hotel.

Le competenze, il know-how e la qualità progettuale dello studio sono considerate un valore aggiunto per molti committenti internazionali, tanto che lo studio è impegnato oggi nella realizzazione del complesso residenziale Rawdhat Residential Buildings ad Abu Dhabi, di un masterplan a Pechino e di prestigiose residenze private in India. In Italia sta portando avanti il progetto di ristrutturazione e ampliamento dell’Hotel Gallia a Milano, e ha iniziato una collaborazione con la maison Bulgari per il disegno delle sue vetrine negli shop in tutto il mondo.  Sul fronte del complemento, il Marco Piva Atelier Design disegna per A Project, Altreforme, Arflex, Arpa Industriale, Bross, Cabas, Colombo Design,  Confalonieri, Corinto, De Majo, Deko, Ege, Estro, Frati, Gaggiolini, Gattoni Rubinetteria, Gervasoni, Kvadrat, i Guzzini Illuminazione, L’Abbate, La Murrina, Lamm, Lapis, Leucos, Lithea, Marioni, Meritalia, MisuraEmme, Moroso, Nito, Novello, Oikos, Omnitex, Pierantonio Bonacina, Poliform, Potocco, Rapsel, Reflex, Schonhuber Franchi, Serralunga, Sicis, Sirrah, So Far So Near, Stella Rubinetterie, Tisettanta,  Unopiù, Up Group, Valpra, VDA, Zonca, Jacuzzi.

Per Ceramica Cielo ha disegnato la serie Fluid Collection.

Alla passione per il progetto Marco Piva affianca quella del viaggiatore che studia e crea soluzioni dense di libertà stilistica, oggetti ricchi di emozionalità e nuova simbologia, mix di colori che contrastano ogni intellettualismo e rigidità.

Con un linguaggio che lui stesso definisce “emozionante, fluido e funzionale”.

 

 

STUDIO MARCO PIVA

Gli ambiti di attività dello Studio Marco Piva sono il master planning, l’architettura, l’interior e l’industrial design. Lo Studio realizza progetti per piani d’area, complessi residenziali e terziari,

alberghi, villaggi turistici, centri congressi, sale meeting, gallerie espositive, mostre tematiche e scenografie urbane in alcuni dei siti più importanti del mondo, e contestualmente è impegnato nella progettazione di interni, fino alla definizione di specifici prodotti per uso domestico o collettivo. Le ricerche sui caratteri formali e funzionali degli spazi, sulle tecnologie e i materiali, sviluppate con grande attenzione per l’ambiente, sono elementi fondativi della filosofia di pianificazione e di progetto dello Studio, che da sempre cerca una continuità progettuale tra architettura e interior design. Lo Studio – che ha la sua sede principale a Milano – è una sorta di multinazionale con filiali nelle aree emergenti del mondo – Dubai, San Pietroburgo e Mosca, Mumbai, Pechino e Doha. In questi contesti di forte dinamismo sociale, economico e culturale lo Studio si posiziona come partner di differenti attori e contractor per sviluppare proposte progettuali che contengano allo stesso tempo la tradizione còlta del progetto, i più attenti sistemi di produzione e i fattori di innovazione concettuale e stilistica.

Con una speciale attenzione allo stile di vita, ai desideri e alle aspettative dei viaggiatori, alle abitudini e ai comportamenti dei consumatori contemporanei, per tradurre tutto questo in nuove concezioni spaziali, in ambienti funzionali affascinanti e scenografici.

 

Allegato N°2

 

FLUID

design Marco Piva

Ceramica Cielo SpA

 

Fluid è la collezione in ceramica per l’ambiente bagno disegnata da Marco Piva per Ceramica Cielo Spa. E’ una collezione nella quale la plasticità della materia dona alle forme una forte valenza scultorea, per i rimandi al tema dell’acqua, con linee fluide e dinamiche dei sanitari, espressione di un design che concilia ricerca formale e innovazione. Le sinuosità e le morbidezze che caratterizzano questo progetto lo rendono versatile e adatto alle esigenze delle varie forme di residenze – dal mondo contract all’ospitalità pubblica e privata. Una sensibilità e un’attenzione coerente con le evoluzioni dell’ambiente bagno, centrale per il  rapporto con la sfera intima dell’uomo ma concepito in ogni paese in maniera diversa e originale. E’ dal confronto con contesti multiculturali diversi che nascono stimoli e suggestioni, nuove interpretazioni
e sperimentazioni: accostamenti inediti tra materiali, forme, contrasti cromatici e di superficie. A tutto questo la collezione Fluid – ma più in generale la cultura produttiva di Ceramica Cielo – affianca una progettazione orientata all’ergonomia e una manifattura vocata alla sostenibilità con una speciale attenzione all’efficienza e alla salvaguardia della risorsa idrica con soluzioni che favoriscono la riduzione dei consumi. Per la qualità e il prestigio delle sue collaborazioni nazionali e internazionali Marco Piva è un ambasciatore del made in Italy di eccellenza, consapevole e orgoglioso di esserlo. “Nel mio lavoro all’estero – ha dichiarato – mi sforzo di promuovere la cultura produttiva italiana, facendomi portatore di qualità e attenzione al dettaglio attraverso un processo progettuale che cerca di andare sempre oltre la semplice prestazione funzionale”.