MENU

24.07.2013 / Comunicato di chiusura III Edizione

15 dicembre 2014 Visualizzazioni: 275 Press zone

Si è conclusa la notte di DEMANIO MARITTIMO.KM-278.

Alla terza edizione, la spiaggia di Marzocca si conferma luogo di incontro per le culture e le idee

imm_cs_2013

Ph. F. Paci

Migliaia di persone hanno affollato la notte di Marzocca, e altrettante sono quelle che dalla lunga diretta sui social network hanno risposto con favore, curiosità e attenzione a DEMANIO MARITTIMO.KM-278, che si è concluso all’alba del 20 luglio, dopo una maratona-flusso di incontri con oltre 50 protagonisti, performance, talks, installazioni sonore, proiezioni video, degustazioni.

Faro e orientamento sono stati i punti cardinali dei palchi sulla spiaggia – pensati come porte verso est e verso sud – e il tracciato dei punti luminosi di GNOMONE, l’allestimento ideato dai vincitori del concorso che ogni anno offre a giovani architetti la possibilità di vedere realizzato il proprio progetto per DEMANIO MARITTIMO.KM-278.

Ricco e prestigioso il panel dei nuovi testimoni internazionali, come Ron Gilad, i SUPERPOOL da Istanbul e i LOT-EK da New York, Caroline Corbetta per il Padiglione Crepaccio at yoox.com, l’artista americana Tanja Alexia Hollander, Stefano Rabolli Pansera curatore del Padiglione dell’Angola Leone d’Oro all’ultima Biennale 2013, Lorenzo Fiaschi con il progetto di recupero al contemporaneo Le Moulin di Galleria Continua alle porte di Parigi, Andrea Bruciati curatore della parte legata all’arte contemporanea per le performance in collaborazione con BJCEM e white fish tank, e ancora Roberto Paci Dalò, Mauro Uliassi con il suo street food di eccellenza, Christian Caliandro, e tutta la nuova generazione di critici, autori e comunicatori dell’architettura e del progetto impegnata nelle redazioni e nelle università italiane e internazionali. Apprezzato poi il  rimando alla celebrazione del 150° della Fisarmonica marchigiana, una storia che lega storicamente l’impresa culturale del territorio con l’evoluzione dei suoi distretti produttivi in transizione.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO