MENU

Collettore di nebbia

14 gennaio 2015 Visualizzazioni: 563 Tesi

Università degli Studi di Camerino
Scuola di Architettura e Design “E. Vittoria”

Tesi di laurea magistrale in Design di Alessio Franconi

Relatori prof. arch. Cristiano Toraldo di Francia (UNICAM), 

prof. arch. Jonathan Reich (Call Poly University, Ca)

Urban Fog Collector System è un sistema in grado di recuperare acqua attraverso la condensazione della nebbia.                                                                                                                                                                                            

Sviluppato e progettato per la California, un paese il cui sistema idrico è in grave crisi, in cui l’invecchiamento delle infrastrutture, la crescita della popolazione, il consumo spropositato d’acqua (circa 540 litri al giorno per persona, di cui il 40% è adoperato fuori dalle mura domestiche) e il cambiamento climatico minacciano il futuro idrico di questa ricca nazione.

Leggi di più

D’altro canto la California è caratterizzata da un clima molto umido e nebbioso (basti pensare che a San Francisco ci sono ben 112 giorni di nebbia pesante all’anno), dove i venti locali sono costanti, e le correnti oceaniche fredde: il clima ideale per la realizzazione di collettori di nebbia. Urban Fog Collector System riesce a catturare la nebbia attraverso una rete in polietilene. La nebbia presente nell’atmosfera si deposita sulla rete in forma liquida e una volta raggiunto un certo peso, grazie alla forza di gravità, si trasforma in gocce d’acqua che scorrono lungo la rete fino a raggiungere il telaio dove vengono raccolte. La maglia della rete ha due differenti trame studiate seguendo un approccio biomimetico: la prima, più spessa, è ispirata alla texture del coleottero del Namib, un insetto del deserto che raccoglie nebbia per dissetarsi attraverso la particolare conformazione del suo dorso. L’altra trama più sottile è ispirata dalla ragnatela. Insieme hanno un coefficiente di schermatura pari al 60%, questo garantisce all’aria di oltrepassare e di essere filtrata. La rete viene tenuta in tensione da un telaio quadrato. La forma ad imbuto del bordo del telaio riesce ad incanalare il vento carico di umidità. Il telaio in alluminioviene fissato come una grondaia sotto le tegole del tetto e grazie ad un piccolo motore è in grado di eseguire una rotazione di 90°. Quando il telaio è perpendicolare al terreno (di notte), il collettore è pronto a raccogliere l’aria umida, nebbia e rugiada. Quando è parallelo al terreno (durante il giorno), la struttura ombreggia la casa e la protegge dal calore californiano. Uno o più collettori possono essere istallati sul tetto di una casa.
L’acqua collezionata nel canale di raccolta del telaio passa dentro la grondaia e viene filtrata e direzionata al serbatoio. Il serbatoio assume una doppia funzione: non è più un oggetto puramente funzionale alla raccolta dell’acqua ma diventa arredo da giardino, assumendo la forma di una comoda e resistente chaise longue. Il serbatoio inoltre può essere posizionato insieme ad altri serbatoi, per creare differenti tipi di seduta. Quando il serbatoio è doppio si possono contenere fino a 560 litri d’acqua. Un singolo modulo di UFC System è in grado di raccogliere una media di 10 litri d’acqua a notte per tutto l’anno. Utilizzando sei moduli, si potrebbe avere un risparmio d’acqua pari all’11% pro capite al giorno. È possibile utilizzare l’acqua raccolta per innaffiare il giardino e l’orto, lavare l’auto e altre attività esterne alla casa.

Leggi meno

Alessio Franconi

villa Zara, 3 – 63814 Torre San Patrizio -Fm
tel +39 0734510530 mob +39 329 0652587
alessio.franconi@ hotmail.it

Sfoglia la rivista Mappe 0/30
  • Particolare del telaio.
  • Studio biomimetico della rete. In basso, il coleottero del Namib.
  • Ambientazione e utilizzazione del sistema.
  • Funzionamento telaio acchiappa nebbia:frangisole.
  • Possibili varianti di assemblaggio delle taniche.
  • Esploso tanica. Particolare tanica.