MENU

La nostra terra non molla, crea

10 gennaio 2015 Visualizzazioni: 745 Design

ADI—Delegazione Marche, Abruzzo e Molise 

La musica può essere suonata con il pianoforte elettronico portatile (dove il pentagramma scorre sul display) o ascoltata inserendo lo smart-phone in un dispositivo a filo-muro, oppure utilizzando chiavette Usb, collegate tra loro, come passeggeri in auto, per un grande archivio elettronico. Ci sono oggetti diversi che condividono medesimi materiali, come il termoarredo e la panchina da giardino, costruiti entrambi utilizzando il cemento, e ci sono oggetti uguali, ma realizzati con materiali differenti, come i tavoli in vetro percolato oppure in cartone ondulato. Le cucine diventano sistemi dispensa-laboratorio-soggiorno, dotati di attrezzature intelligenti, come le pentole asimmetriche per saltare il cibo, le mini cappe che aspirano con la stessa efficacia delle grandi, il piano cottura a basso consumo e tanti accessori spiritosi. Nei bagni troviamo soluzioni con ogni dettaglio funzionale: si va dalla vasca con la porta, per agevolare l’accesso degli anziani, al mobilio componibile; dai semplici lavelli alle docce con scalda salviette o all’idromassaggio con cromoterapia, per arrivare alla lavasciuga biancheria. La luce, che illumina la bellezza per svelare la qualità delle cose, impiega efficienti Led nei diversi usi tra casa, ufficio, negozio e piazze: non solo li vediamo utilizzati per le lampade da tavolo o nei faretti del controsoffitto, ma anche per l’illuminazione stradale e quella nei musei. Il design è, inoltre, progettazione di processi: si parte dalla ricerca estetico funzionale delle fabbriche e dalla comunicazione visiva, con la grafica editoriale che racconta storie aziendali, per proseguire con quella culturale per libri e riviste o quella scenografico-didascalica per i muri delle scuole e si arriva, infine, a quella emozionale utilizzata per presentare prodotti lusso del fashion. Il design, quindi, non solo si occupa dei luoghi dove le persone vivono, transitando, lavorando, comunicando e creando, ma va oltre, interessandosi al loro benessere, alla qualità e alla sostenibilità della loro vita, così da garantire il futuro dei giovani. La risoluzione delle problematiche comuni verte sullo studio delle differenti necessità, proponendo prodotti, sistemi o soluzioni che soddisfino i bisogni latenti delle persone, le quali abitano spazi diversi e hanno nuovi stili di vita. La creatività trova nella manifattura, che sia quella artigianale o quella seriale dell’industria, il mezzo per realizzare oggetti frutto di qualità intellettuale, con una proposta territoriale in grado di creare una “copertura” totale in materia di design. Il momento di grande sconforto e il malessere dei mercati obbligano gli enti territoriali, le nostre aziende, i nostri progettisti, come anche le nostre scuole e università, alla ricerca di progetti che creino innovazione e allo stesso tempo valore. Persino le istituzioni si sono accorte di averne bisogno. La selezione ADI Design Index 2013, che ha visto coinvolta la delegazione Marche, Abruzzo e Molise con il lavori dell’Osservatorio permanente sul design attraverso la Commissione Territoriale, composta da Riccardo Diotallevi (coordinatore), Cristiano Andreani, Flavia Aventaggiato, Alessandro Casmirri, Cristiano Toraldo di Francia, Mariagrazia Fioravanti e Maura Mengoni, ha vagliato ben 78 schede progetto per inoltrarle alle commissioni Tematiche nella sede ADI di Milano, dove altrettanti esperti di settore analizzeranno i singoli progetti. Incrociamo le dita e non le braccia, aspettando la pubblicazione del prossimo ottobre.
Il variegato “catalogo” territoriale svela prodotti incredibili, dal satellite per le osservazioni dallo spazio al tappeto tecnico in gomma in grado di ricalcare asperità e modellarsi in curva; dal bancone gelateria carico di memorie artigianali all’arredo mutevole che amplia il banco bar nelle diverse situazioni di affollamento, fino ad arrivare al tavolino assemblabile tra le sedute per un brindisi in coppia. 
Sfoglia la rivista Mappe 2

 

  • 8860g
  • 8861g
  • kubedesign, Pop-up, design Roberto Giacomucci
  • 8863g
  • da sinistra- Cristiano Andreani, Gianfranco Tonti, Maura Mengoni, Cesare Avanzi, Riccardo Diotallevi
  • Gibas, Beat, design Simone Simonelli
  • Cristiano Toraldo di Francia , Maria Grazia Fioravanti
  • T.M. italia , Off Kitchen, design Daniele Bedini
  • Metalmobili, Friends, design Franco Bertoli
  • da sinistra- Maura Mengoni e Riccardo Diotallevi
  • The Wheelworks, 3D_mat, design Sauro Rosolani