MENU

Multiplex UCI Cinemas

12 gennaio 2015 Visualizzazioni: 750 Interni, Esterni

Il nuovo complesso multisala a Pesaro

progetto di Ferdinando Leoni, Lorena Luccioni, Cristiano Toraldo di Francia

Il nuovo edificio, destinato ad accogliere il Multiplex e alcuni ampi spazi commerciali al piano terra, costituisce il primo intervento di un più ampio progetto che comprende quattro edifici, tre dei quali ad oggi realizzati. I progettisti incaricati hanno rielaborato il progetto guida del Piano Secchi che definiva già volumetricamente i nuovi corpi edilizi, riproponendo nuovi volumi ridistribuiti con un Piano Attuativo (P.P. La Torraccia). Il nuovo assetto è riprogettato per l’impresa Interedil srl in qualità di committenza privata proprietaria delle aree; la società realizzatrice unisce per l’occasione quattro tra le più importanti imprese edili pesaresi. Il progetto, pur riproponendo il sedime degli edifici di PRG, apporta alcune modifiche sostanziali rispetto alle previsioni del Piano Secchi, il quale prevedeva un fronte compatto davanti al Palasport, “forato” in corrispondenza del centro per creare una sorta di portale d’ingresso all’Arena Palas enfatizzandone la visuale prospettica. Tale previsione, non condivisa dai pesaresi, in accordo con gli uffici comunali viene modificata separando in due parti il fronte edilizio, e realizzando due edifici distinti ma legati virtualmente dall’elemento architettonico di cornice che caratterizza e rende riconoscibili nella loro unitarietà i quattro interventi. Una parte dell’edificio così “spezzato in due” costituisce il nuovo complesso multisala. Il Multiplex, contrariamente al modello chiuso tradizionale dei cinema, è caratterizzato principalmente dall’essere un edificio trasparente, dentro al quale si collocano le scatole chiuse delle sale di proiezione, al primo livello, facilmente individuabili dall’esterno. Le sale sono posizionate all’interno dell’involucro vetrato senza toccarne la facciata; dietro la facciata si snodano invece gli spazi di distribuzione che diventano anche di relazione e di sosta, e costituiscono l’estensione naturale della baricentrica area bar, alla quale è dedicato molto spazio nel tentativo di far vivere la struttura non solo con la visione dei film. La distribuzione più tecnica invece, riservata al personale addetto alla manovra delle macchine di proiezione, avviene al terzo livello, attraverso un corridoio di servizio anch’esso facilmente leggibile nel suo percorso, messo in evidenza dal colore e dai materiali di rivestimento. Il corridoio di servizio attraversa visibilmente gli spazi di ristoro e di distribuzione caratterizzando una parte del soffitto. La struttura e l’involucro sono di tipo prefabbricato, ma entrambi completamente rivestiti di lamiera ondulata di alluminio. Particolare attenzione è dedicata agli allestimenti interni e all’illuminazione: dall’ingresso al piano terra, luminosissimo, con i monitor per la presentazione dei trailer e la cassa, si arriva attraverso la scala interna alla zona centrale del bar, con luce più moderata e diffusa, e attraverso gli spazi di distribuzione caratterizzati da una illuminazione lineare si arriva ad entrare nei corridoi delle sale di proiezione, luoghi più bui dove il passo è segnato da sottili linee di luce ad incasso nel pavimento, che introducono gradualmente al buio della sala. Il colore dominante è il grigio, chiaro per i pavimenti così da essere percorribili con sicurezza anche al buio, e scuro per i soffitti per rendere meno percepibile l’ampiezza dei volumi e meno freddi gli spazi di relazione. Il colore delle pareti, anch’esse nei toni neutri del grigio, è interrotto e impreziosito dalle pannellature di ciliegio che caratterizzano porte e parziali rivestimenti delle superfici. Anche nelle sale di proiezione, listelli orizzontali di ciliegio intervallano i pannelli scuri fonoassorbenti che rivestono le pareti delle sale. Ancora pareti rivestite di ciliegio per i bagni, caratterizzati da luci soffuse e da un lavamani continuo di acciaio inox appositamente realizzato. Tutti gli spazi di distribuzione e i servizi sono decorati infine con le immagini dei grandi attori della storia del cinema italiano.

Sfoglia la rivista  Mappe 0/30
  • Vista del prospetto frontale lato ingresso con il fronte vetrato.
  • La biglietteria con la parete per i video trailer.
  • L’area centrale con il lungo banco del bar-caffetteria.
  • I servizi igienici per uomini.
  • I servizi igienici per donne.
  • L’area di sosta e ristoro.
  • Sala di proiezione da 197 posti.