MENU

A Floresta de Infancia

Una foresta-scuola a scala di bambino

Intervento: ‘A floresta de infância’, giardino effimero realizzato in occasione del 7° Festival internacional de Jardin de Ponte de Lima
Luogo: Ponte de Lima (Portogallo)
Progettisti: arch. Silvia Petrini (IT), arch. Laura Feliciani (IT), arch. Elise Le Duc (FR)
Committente: Município de Ponte de Lima Festival internacional de Jardin de Ponte de Lima
Anno di redazione: 2010
Anno di realizzazione: 2011
Costo: 10.000 euro
Realizzazione: realizzato da arch. Silvia Petrini, arch. Elise Le Duc e Município de Ponte de Lima
Dati dimensionali: 225 mq

Foto: Elise Le Duc

Il progetto ‘A Floresta de Infância’ è stato realizzato in occasione del 7° Festival Internacional de Jardins de Ponte de Lima, in Portogallo. La manifestazione nasce nel 2005, su esempio del Festival des jardins de Chaumont-sur-Loire (Francia). Nell’orizzonte artistico e creativo nazionale portoghese, il Festival di Ponte de Lima apporta in termini pedagogici, ambientali, sociali e culturali, un alto contributo per la divulgazione di “messaggi”, attraverso l’arte dei giardini. Per l’anno 2011, il tema prestabilito per il Festival è stato ‘A Floresta no jardim’, per festeggiare l’Anno Internazionale delle Foreste. La giuria, composta da architetti, paesaggisti, agronomi e artisti, ha selezionato 11 progetti (provenienti da Portogallo, Spagna, Italia, Francia, Inghilterra, Germania, Austria e Brasile), che hanno esposto la loro interpretazione su questo tema. Una sensibilizzazione per la difesa dell’ambiente e il patrimonio forestale mondiale, legata alla creatività e all’arte. Arte per intendere al meglio le questioni del quotidiano, arte come forma di civilizzazione.‘ A Floresta de Infância’ è un giardino che, alla scala del bambino, si può percepire come una foresta. Una foresta-scuola, dove gli alberi (simbolo di saggezza) diventano piccole sedie (occasione per sedersi ed imparare dalla Natura), e dove si può correre in tutte le direzioni, seguire diversi sentieri, giocare o sedersi per sognare, pensare, riflettere…
Una foresta di sedie dove le piccole piante tra gli alberi diventano improvvisamente grandi.
Un giardino dove per un istante si può tornare nuovamente bambini, sedersi, osservare alla loro stessa altezza, sentirsi immersi nella foresta e scoprirla diversa…
Nel “giardino d’infanzia” i bambini socializzano, nella “foresta d’infanzia” bambini si sensibilizzano!
Il progetto della ‘Floresta de Infância’ è disegnato sulla base di una parcella di forma triangolare, di circa 225 metri quadrati. Il giardino forma un “cono ottico” che si apre sulla “foresta”. Un percorso, a forma di punto interrogativo – simbolo delle mille domande di un bambino – invita ad entrare, percorrere e fermarsi nel cuore del giardino, accolti da tre giovani alberi, che invogliano a sedersi e ascoltare la voce della Foresta.
I materiali utilizzati sono di origine naturale e vegetale: sedie in legno, ghiaia, terra vegetale, corteccia di pino.
La vegetazione principale è quella tipica della foresta europea: Osmunda regalis, Polystichum polyblepharum, Aspleniumscolopendrium ‘Undulatum’, Hedera helix ‘Shamrock’, Lonicera Japonica Halliana, Hyacinthoïde non scripta, Aillum ursinum, Anemone nemorosa. Arbusti e alberi: Corylus avellana, Castanea sativa, Quercus robur.

  • Vista dall’ingresso (foto_ Amândio de Sousa Vieira)
  • Vista laterale
  • Vista dall'ingresso
  • Dettagli
  • Dettagli