MENU

Bianco, legno, acciaio e cristallo

Lo showroom Eclettis a Jesi

Intervento: showroom Eclettis
Luogo: Jesi
Progettista: arch. Luca Schiavoni
Committente: Eclettis
Anno di redazione: 2007
Anno di esecuzione: 2007
Costo dell’intervento: 80.000,00 euro
Imprese esecutrici:
gesso e tinteggiature: Domusart di Ceccarelli,
Ceccarelli srl, Jesi (AN);
serramenti inox e tendaggi:
CIFA Pierella & Montapponi snc, Jesi (AN);
pareti e scorrevoli in cristallo: Esiglass srl, Jesi (AN);
impianti elettrici e audio-video: Paolucci Automazioni, Jesi (AN);
impianti meccanici e idraulici:
Sbaffi Paolo Termoidraulica, S. Maria Nuova (AN);
lavorazioni in legno: Ebanisteria Esina snc, Jesi (AN)
Imprese fornitrici:
Gagliardini srl, Monte Roberto (AN); Luceplan spa, Milano; l’Invisibile by Portarredo srl, Argenta (FE); Eclettis srl, Jesi (AN); Pircher Oberland spa, Dobbiaco (BZ)
Dati dimensionali: 100 mq

La realizzazione del nuovo showroom per Eclettis di Jesi è un piccolo intervento di interior design realizzato in spazi già esistenti, con una superficie di circa 100 mq all’interno
dell’edificio industriale sede dell’azienda. Si è trattato del re-styling di alcuni ambienti del piano terra dell’edificio, costituiti da un ingresso, una sala e servizi igienici. Lo scopo dell’ammodernamento era quello di riqualificare gli ambienti affinché fossero adeguati, per livello di finiture e immagine, alla qualità dei prodotti della gamma Smooth-Line
che Eclettis produce e commercializza. Era quindi necessario
confrontarsi con una azienda che ha investito tutto il suo lavoro di design e tecnologia nella ricerca dell’essenzialità,
inventando un prodotto che, stando ai riconoscimenti nazionali e internazionali che riceve, sembra coincidere con la principale tendenza dell’architettura contemporanea, rivolta
sempre più al minimalismo, alla chiarezza della contrapposizione
netta di materiali e forme, alla “leggerezza” del costruire fatta di assenze piuttosto che di abbondanze, di semplicità piuttosto che di ricchezza. La gamma Smooth Line a raso muro rimette in discussione la necessità di utilizzare
mostre e coprifili nei punti di contatto tra materiali e lavorazioni differenti, ormai purtroppo divenuti una consuetudine
del costruire. L’intervento avrebbe dovuto quindi
dedicarsi all’eliminazione di quei “difetti” del processo standard di costruzione, costituiti dai punti di raccordo e contatto tra murature e pavimenti, tra murature infissi e serramenti, tra murature e apparecchiature istallate. Nella
realizzazione è stato scelto quindi di usare componenti commerciali che rispecchiassero le stesse caratteristiche di ricerca di Eclettis: porte senza mostre laterali, sistemi di illuminazione e di condizionamento lineari e a “filo muro”, ecc. Artigianalmente sono stati invece realizzati battiscopa a filo muro, pareti e scorrevoli in cristallo con guide totalmente
incassate, ecc. Il bianco domina lo spazio: legno, acciaio e cristallo lo caratterizzano nei punti salienti. Una particolare nota va ai piccoli servizi igienici in cui, grazie alla collaborazione tra progettista e azienda, è stato ideato e realizzato il primo prototipo di un nuovo sistema accessori
inox che comprendono, in un unico elemento lineare sviluppabile modularmente, illuminazione, pulsanti elettrici, accessori, dispensatori di carta e sapone, e persino un comando
elettronico per l’azionamento dello scarico acqua. Il progetto ha sviluppato inoltre il design degli espositori verticali
con cui il prodotto verrà commercializzato nei punti vendita, immaginato come un pilastro, verniciato in grigio scuro per gli apparecchi inox e bianco per il bianco.

  • 4630g
  • 4631g
  • 4632g
  • 4633g