MENU

Dance and Music Centre a Civitanova

Uno spazio pubblico ritrovato al servizio delle arti sceniche

Università degli studi di Camerino, Facoltà di Architettura ‘Eduardo Vittoria’, Ascoli Piceno
Anno accademico: 2010 – 2011
Tesi di Laurea Magistrale in Architettura: IASM. Indagine sugli spazi delle arti sceniche nelle Marche: Dance and Music Centre
Autore: Mattia Rebichini
Relatore: prof. arch. Pippo Ciorra

 

Civitanova Marche è un tipico brano di città adriatica. Nodo cruciale di un vasto volume di flussi per tutta la provincia di Macerata ed oltre, è divenuta ormai un’area urbana congestionata, in bilico tra città e grande centro. Come succede spesso nell’evoluzione urbana di una città, lo spazio pubblico, se non difeso, è il primo a venirne meno. La direttrice ‘Palazzo Sforza-Mare’, negli anni Venti, boulevard economico-sociale e normale arrivo al Lido, nonché alla battigia, dagli anni Sessanta adibito a parcheggio e manifestazioni fieristiche. L’attuale Ente Fiera, oltre che attirare un volume di traffico e disagi per il centro città, ostruisce uno storico spazio pubblico. La proposta ripensa lo spazio pubblico cercando di donare nuove centralità e vitalità sociale, fornendo nuovi punti di aggregazione come risposta
alle esigenze suggerite in parte da protagonisti del campo artistico-teatrale, grazie alla parte d’indagine, in parte realtà di un malessere cittadino. Il Dance and Music Centre rivisita l’attuale Arena Barcaccia, donando spazi per performance e per l’apprendimento, occasione per proclamare l’effettiva eccellenza della danza, ma anche della musica e delle arti sceniche, che da un discreto periodo Civitanova annovera con orgoglio. Il DMC ospita ben due nuove arene e due sale interne: un teatro per arti sceniche e una Concert Hall per eventi musicali. Il tutto convive in armonia in un insieme di spazi flessibili per associazioni artistiche, esposizioni o locali a tema come una discoteca o un ristorante, accompagnato da una grande area pedonale, da servizi e da una nuova gestione del traffico carrabile. Fulcro di una rivisitazione urbana dello spazio pubblico principale civitanovese, il DMC si propone motore culturale ed economico per ridare forza ad uno spazio pubblico da tempo dimenticato.

  • Vista della piazza XX Settembre dal Palazzo Sforza.
  • Vista interna al DMC: teatro
  • Vista interna al DMC: hall comune a tripla altezza