MENU

Equilibrio e mutamenti cromatici naturali

Ristrutturazione di appartamento a Chiaravalle

Intervento: ristrutturazione appartamento
Luogo: Chiaravalle
Progettista: Giovanni Celli
Anno di redazione: 2009
Anno di realizzazione: 2010
Costo: Euro 80.000,00
Imprese costruttrici: Impresa Edile Bussolotto Marco, Cupramontana (AN), Termoidraulica Carè Rosildo, Moie di Maiolati Spontini (AN), P.I.M. Elettrica di Giampieri Maurizio, Chiaravalle (AN), Cartongessi Marasca Jesi (AN), Tinteggiature: Celli Giuseppe, Moie di Maiolati Spontini (AN)
Imprese fornitrici: Gagliardini srl, Monteroberto (AN); Falegnameria Luminari Maurizio, Castelplanio (AN), Tappezzeria e tendaggi Cavalletti, Senigallia (AN),
Vetreria Artigiana di Stefanini e Santoni, Jesi (AN), Arredamenti Camilletti, Sassoferrato (AN)
Dati dimensionali: 130 mq

Foto: Renato Borocci

Il progetto nasce per dare un’immagine nuova ad un’abitazione posta al primo piano di un edificio costruito negli anni Settanta a Chiaravalle (AN). L’appartamento si sviluppa su una superficie di 130 mq. Percorrendo i suoi spazi interni si ha la percezione immediata di un luogo tipico di quel tempo, dove gli ambienti erano messi in relazione tra loro attraverso delle zone neutre, o per meglio dire, “corridoi”. Facendo un’attenta analisi con la committenza sulle esigenze della stessa, è scaturita la necessità progettuale di mettere in relazione le aree comuni della zona giorno in modo da avere un’immediata prevalenza di luce, capace di rendere l’ambiente in continuo mutamento cromatico durante le diverse ore della giornata. Lo spazio giorno, marcato da un pavimento in rovere sbiancato spazzolato, scelto per dare luminosità e dinamismo all’ambiente, si sviluppa in tre aree principali, evidenziate da tagli di luce riflessa, ricavati dal controsoffitto, che ne delineano l’architettura. L’area operativa, chiusa da ante scorrevoli in vetro trasparente, accoglie la cucina rifinita con ante lucide e piano lavoro in corian, illuminato con strip led RGB. Tale area funge da cerniera per il servizio mescita alla zona pranzo, caratterizzata dal tavolo di legno laccato e poltroncine rivestite in eco-pelle, progettate e personalizzate per il cliente, entrambi messi in rilievo da una parete rivestita con carta da parati dai toni bianchi che dona alla superficie una matericità capace di riflessi incontrollati. Il soggiorno, dai toni molto chiari, è dominato dall’imponente divano pensato e realizzato a misura per dare originalità all’ambiente, il quale, con la sua tonalità bluastra, si accosta ai cromatismi dettati dal rivestimento in ardesia African Blue, i quali caratterizzano e valorizzano la parete che nasconde e mimetizza uno spazio dedicato al servizio della casa. Dallo spazio giorno si passa alla zona notte, modificata radicalmente, traslando il corridoio da una parte all’altra dell’architrave portante che corre longitudinalmente rispetto all’asse d’ingresso della casa. Il percorso per accedere alle camere è caratterizzato da luci a led incassate a terra che evidenziano il verticalismo delle porte a tutta altezza, realizzate in legno laccato. Questa trasformazione ha permesso di creare un vano adiacente alla camera matrimoniale dove è stato ricavato uno spazio per la cabina armadio, che funge anche da antibagno, inglobando nell’ambiente un lavabo con specchio per il primo servizio giornaliero. Sempre nella stessa area ma chiuso all’interno di un box con finestra, si trova il bagno, caratterizzato da rivestimenti a tutta altezza, capaci di trasmettere al tatto la sensazione materica della pietra naturale. Dalla doccia, illuminata con led RGB posti sul doccione della stessa, si può intravedere, attraverso un taglio verticale chiuso con il vetro satinato, la cabina armadio, illuminata con tagli di luce riflessa realizzati nel controsoffitto. L’elemento che rende unica la camera matrimoniale è il rivestimento della parete, posto sul retro della testiera e realizzato in lastre di ceramica Porcellanosa Qatar Premium, effetto onda, illuminato da un taglio di luce radente che evidenzia il suo andamento sinuoso. L’architettura interna è studiata in modo da riflettere equilibrio, faccia nascere sinergia tra gli spazi progettati, mettendo in relazione i loro colori e rivestimenti, per creare un luogo capace di emozionare, un luogo in continua evoluzione attraverso un fattore molto importante, la luce, che utilizzata nelle sue molteplici tipologie ed intensità, produce cromatismi inaspettati e un’atmosfera unica, capace di modificare nel tempo la percezione dello spazio in cui viviamo.