MENU

Il Museo della Farmacia

L’antica farmacia Mazzolini Giuseppucci di Fabriano ‘museo di sé stessa’

La farmacia storica Mazzolini Giuseppucci di Fabriano (corso della Repubblica 33/A), attiva fino al 1982, è caratterizzata da un prezioso arredo ligneo che la qualifica fra i monumenti più importanti dello stile neogotico in Italia. Gli arredi furono commissionati dal farmacista Ermogaste Mazzolini (Fabriano 1899) intorno al 1896 – 1899 circa, ad uno dei più stimati intagliatori ed ebanisti italiani dell’epoca, il perugino Adolfo Ricci (Fabriano 1904), giunto a Fabriano nel 1892 dopo una prestigiosa carriera artistica a Roma. Attualmente visitabile come ‘Museo della Farmacia Mazzolini-Giuseppucci’, la farmacia è un luogo dove il tempo si ferma e racconta come in un libro scritto nel legno, l’avventura straordinaria dei progressi scientifici e tecnologici dell’uomo. Nella volta e lungo le pareti della farmacia possiamo leggere alcune fra le pagine più importanti delle scoperte chimiche, fisiche e mediche, che, in particolare durante l’Ottocento, migliorarono la vita degli uomini, raccontate attraverso i ritratti di venticinque scienziati che ne furono protagonisti, tra i quali ricordiamo Avogadro, Berthollet, Cannizzaro, Davy, Faraday, Franklin, Lavoisier, Piria, Purgotti, Ratti, Röentgen, Volta e altri. Gli strumenti e le macchine, intagliati con sorprendente dovizia di particolari, illustrano i metodi e le tecnologie impiegate nei laboratori di tutto il mondo, come quelle che permisero la scoperta dei Raggi X. Non a caso, proprio la lunetta che descrive gli strumenti utili per la realizzazione dei raggi X costituisce la prima rappresentazione iconografica della scoperta conosciuta in Italia, con il ritratto del suo autore, Röentgen. Ricchissima è anche la collezione di oltre trecento vasi realizzati alla fine del XIX secolo dalla celebre manifattura Ginori di Firenze. Il restauro degli arredi in legno di acero è stato finanziato dal dottor Vito Giuseppucci e dalla Provincia di Ancona, condotto sotto l’alta sorveglianza della dottoressa Claudia Caldari della Soprintendenza per i Beni Artistici, Storici e Etnoantropologici delle Marche e realizzato dalla ditta Bischi di Urbino. All’allestimento dello spazio museale hanno invece partecipato l’architetto Paolo Schicchi di Fabriano, le ditte Gagliardini di Monte Roberto, Ballelli di Fabriano, Guidobaldi di Foligno e Poeta elettricità di Fabriano. L’importante recupero di quella che può essere considerata la più importante farmacia storica italiana del XIX secolo, per valore culturale ed artistico della decorazione, è stato salutato a Fabriano dai partecipanti al Convegno Nazionale di Storia della Farmacia (28-31 ottobre ‘05), durante il quale gli autorevoli direttori e conservatori di musei della farmacia e delle arti sanitarie italiane hanno dibattuto sulle prospettive di sviluppo della museologia scientifica italiana.

Museo della Farmacia Mazzolini Giuseppucci
Fabriano (AN), corso della Repubblica 33/A
tel. 0632 250834
mazzolini.giuseppucci@gmail.com
www.museodellafarmacia.info

Presidente: Vito Giuseppucci
Conservatore: Francesca Nucera

  • Il Museo della Farmacia
  • 2425g
  • 2426g
  • 2427g
  • 2428g
  • 2429g
  • 2430g