MENU

Interior design come installazione temporanea

American/vodka bar in Ancona

Intervento: Bartes, american bar_vodka bar
Luogo: Ancona
Progettista: arch. Simone Subissati
Collaboratori: arch. Nicoletta Mosca, arch. Stefania De Chirico;
graphic design: Marzia Luchetti
Anno di redazione: 2010
Anno di realizzazione: 2010
Importo lavori: 3.753.970,00 euro
Imprese esecutrici: Frisoli costruzioni, Ancona,
Bartolucci Arredamenti, Ancona;
finiture in cemento: Renato Sebastianelli, Ostra (AN)
Imprese fornitrici: Bartolucci Arredamenti, Ancona; Effettoluce, Recanati (MC);
Gagliardini srl, Monteroberto (AN)
Dati dimensionali: 40 mq

Foto: Roberto Piccinni

Un incarico per l’allestimento di un locale pubblico può diventare occasione per trattare il tema dell’interior design come fosse una istallazione, un’architettura con un suo contenuto proprio, una sua forma e delle idee ad essa connesse. L’intento è quello di discostarsi in maniera radicale dal modo di trattare tale disciplina ancora come arredamento o come l’applicazione di uno stile. Muovendo dalla sintesi di Bar-Arte-Est (da cui il nome Bartes) a voler rimarcare la vocazione di Ancona come link balcanico, il tema si amplia da un lato a rappresentare il sentimento della koinè adriatica o ancor più mediterranea e dall’altro lato a immaginare una società fatta non di spazi o edifici ma piuttosto di luoghi, di occasioni (anche provvisorie) di relazioni, di superfici, che descrivono una componentistica fluida, trasferibile, leggera e temporanea che può restare indeterminata potenzialità, mettendo insieme funzionalità poco definite e grandi capacità relazionali. Come nelle dimore nomadi, nelle strutture leggere e provvisorie delle enclaves suburbane o nell’architettura spontanea popolare, una pelle ben distinta dall’involucro murario – fatta di elementi leggeri metallici – riveste soffitto e pareti, creando una dialettica tra soggetto-sfondo, primo piano-secondo piano, diaframma-spazio solido retrostante. Il vuoto che ne scaturisce è importante come dissoluzione di quanto solitamente tende ad occupare in modo stabile, immobilizzante.

Lo spazio creato è concavo, ricettivo, permette allo spettatore di entrare nell’opera e di stabilire con essa un dialogo. Quasi come unità di misura dello spazio, come una componente irriducibile di costruzione, la forma rettangolare degli elementi in ferro si dispone, reiterandosi nello spazio, in maniera stereometrica, evidenziando un unico asse di rotazione che sottolinea l’irregolarità planimetrica dello spazio in cui si è intervenuti. Si è così lavorato sostanzialmente con due soli elementi: il muro e le lastre di ferro. Il risultato è ottenuto tramite alcuni artifici progettuali: i due elementi in muratura rivestiti in cemento e quarzo levigato, senza soluzione di continuità col pavimento, sono stati appositamente creati e alcune irregolarità dello spazio esistente sono state ridotte. Tra gli elementi plastici gli unici “figurativi” sono le due mensole modanate, realizzate in materiale neutro, posizionate come “object trouvè” sopra i blocchi banco. Sono gli unici dettagli (prima che arrivino bicchieri e bottiglie) che svelano, anzi assegnano la funzione dello spazio come bar. L’approccio progettuale è teso ad astrarre le forme in maniera assoluta, in cui i patterns di traforatura dei pannelli ricalcano un linguaggio industriale per non avere segni o linguaggi che siano in aggiunta ma trattandoli quasi come “readymade”.

L’intervento grafico dell’artista Marzia Luchetti che può esser letto ultimamente come l’approdo di un discorso, diventa un tutt’uno con il metallo ed è concepito come un insieme di frammenti, di tessere di un mosaico intercambiabili tra di loro, un codice fatto di segni, simboli e figure a creare un immaginario – come una sorta di lavoro di sintesi – dello scenario culturale evocato. La luce bianca evidenzia il limite – in basso – dell’intervento, come stacco e soluzione dello stesso. La luce a led rgb che filtra dal sistema di pannelli è invece mutevole: più presente e persistente oppure leggera e flebile o lasciando campo solo alla luce bianca a seconda delle occasioni e delle ore del giorno. Le strutture portanti e i cablaggi volutamente a vista quasi come un’opera di Merz fanno parte dell’istallazione, in cui linguaggio tecnologico e poesia linguistica dei segni della Luchetti dialogano e a tratti si fondono.