MENU

Luce e leggerezza

La nuova boutique Coltorti a Jesi

Intervento: ristrutturazione e nuovo allestimento
Boutique Coltorti srl
Luogo: Jesi (AN)
Progettista: arch. Giancarlo Ercoli
Collaboratori: ing. Luigi Antonelli (impianti)
Committente: Due Emme srl
Anno di redazione: 2008
Anno di esecuzione: 2008
Costo dell’intervento: 400.000,00 euro
Imprese esecutrici: opere in muratura: Moreschi Rossano,
S. Maria Nuova (AN); opere in gesso rivestito e
tinteggiature: Maggiori Mauro, Appignano (MC); infissi e opere in vetro: Esiglass srl, Jesi (AN); pavimentazione
in grès e vinile: Gagliardini srl, Monte Roberto (AN);
arredi: Falegnameria Electa snc di Marconi A. e Carletti M., Recanati (MC); opere in cuoio e tappezzeria: Mino & Grazia, Jesi (AN); impianti elettrici e meccanici: Elettrobellaluce, Filottrano (AN)
Imprese fornitrici: corpi illuminanti: Comet, Rema-Tarlazzi, Ancona; complementi d’arredo: Abitare, Jesi (AN)
Dati dimensionali: 240 mq

Foto: Eugenio Gibertini

La Ditta Boutique Coltorti, di Jesi, è una impresa commerciale di lunga data, orientata alla vendita di capi di abbigliamento uomo-donna prodotti dalle maggiori marche della moda italiana. Nel tempo l’azienda si è espansa nella regione e nell’ultimo decennio ha aperto le nuove boutique di Macerata, Ancona, San Benedetto del Tronto. Il negozio storico a Jesi è stato oggetto dell’ultimo intervento di ristrutturazione e ammodernamento, in ordine cronologico, che la ditta ha eseguito in questi ultimi anni. Gli spazi della boutique si sviluppano al piano terra e al piano primo di un palazzo storico che si affaccia su piazza della Repubblica, in pieno centro storico. La costruzione, che ripropone lo stile neoclassico, insiste sulle mura castellane di Jesi, precisamente è stata edificata su un bastione demolito tra fine Ottocento e primi del Novecento. Il fronte delle vetrine si sviluppa lungo via Arco del Magistrato e i portici di piazza Spontini. L’intervento  sullo spazio è stato radicale e del preesistente allestimento non vi è più traccia. Sono stati portati tutti i locali a pareti vive per agevolare la messa in opera dei nuovi impianti di servizio a norma, realizzando pareti in cartongesso, il più possibile a secco. L’obiettivo principale era quello di rendere più fruibili e leggibili gli spazi interni, che essendo inseriti in un edificio storico, erano costituiti da piccoli locali, assai caotici e disarticolati. La prima azione in tal senso è stata lo spostamento dell’ingresso da piazza della Repubblica – che occupava una delle tre grandi aperture della facciata – su via Arco del Magistrato, riportando l’ingresso alla localizzazione originaria degli anni ’60-70. Lo spostamento dell’entrata ha prodotto un doppio effetto: una nuova e radicale ridistribuzione interna ed un più facile accesso al piano primo la cui scala era ed è localizzata nel nuovo locale d’ingresso che, rispetto all’intero impianto, risulta baricentrico. È stato poi recuperato alla fruibilità e alla piena dignità di spazio di vendita, il piano primo, che nel passato era adibito a magazzino e ufficio. All’esterno la facciata su piazza della Repubblica, caduta con il tempo in penoso stato di degrado, è stata oggetto di un accurato restauro ed oggi risulta omogenea nelle sue parti architettoniche e di chiara lettura tipologica. L’uso di pochi materiali di finitura nei pavimenti, negli arredi, nelle tinteggiature ha contribuito a rafforzare l’effetto di unitarietà degli spazi. Sono state infatti realizzate pareti in avorio chiarissimo. Il pavimento è stato composto in grès delle stesse tonalità nella zona ingresso e accessori. Il pavimento del reparto donna al piano primo è in tessuto vinilico avorio ed è stato utilizzato, a contrasto, il nero sia nel pavimento, sia nelle laccature e cuoio degli arredi nel reparto uomo. Unici elementi a cui è stato conferito un carattere fortemente decorativo sono i banconi espositivi caratterizzati da un rivestimento raffinato in formelle di specchio colore argento, argento satinato e oro. Un grande pannello, anch’esso in formelle di vetro, caratterizza la scala di accesso al piano primo. Luce e leggerezza sono le cifre stilistiche scelte per questi nuovi spazi.

  • 5133g
  • 5136g