MENU

Panatta Sport e le sue macchine

Design e Biomeccanica applicati al benessere

Panatta Sport nasce nel febbraio 1982, grazie alla volontà di Rudy Panatta, giovane professore di lettere con la passione per il body building. La dedizione profonda e radicata per questo sport e la convinzione che il body building fosse comunque la base indiscussa per migliorare le prestazioni atletiche in ogni genere di sport, spinsero Rudy Panatta alla decisione di abbandonare definitivamente l’insegnamento per dedicarsi totalmente allo studio ed alla realizzazione di macchine ed attrezzature per il fitness. Viene così fondata la ‘Panatta Sport Società Artigiana’, trasformata oggi in una dinamica realtà industriale.

Nel 2007 Panatta Sport ha acquisito Air Machine Com, brand leader nel settore della riabilitazione medicale. Più di 200 prodotti del settore fitness-welness ideali per soddisfare ogni genere di target sono realizzati negli stabilimenti della sede di Apiro (MC).

Le principali linee di prodotto sono costituite da:
Panatta Sport Cardio Pininfarina, disegnato del noto progettista, unica e grande novità nel mercato del fitness, che grazie allo speciale profile user editor permette di creare infiniti programmi di allenamento
Panatta Sport Isotonico (XP LUX/FIT EVO/SEC/FREE WEIGHT /FREE LINE), la più grande offerta isotonico del mercato:
7 linee di prodotto con oltre 150 macchine ed accessori
Panatta Sport line Speciali:
Kids System, pensata per la lotta all’obesità e per diffondere la cultura sportiva nei bambini dai 5 agli 11 anni
Oasis, ideale per centri spa ed hotel con vip area
Air System, ideale per soddisfare tutti i target, dai teenager alle donne della terza età.

Con filiali dirette in Francia, Spagna, Germania, il Gruppo è presente nel mercato internazionale, dove tiene alta la bandiera della imprenditorialità marchigiana attenta alla qualità, alla creatività, alla continua ricerca e innovazione.

Il marchio partecipa a fiere e manifestazioni internazionali del settore fitness, tra cui, le più importanti, Fibo, Salon Mondial Body Fitness, Rimini Wellness, SportEx Middle Est.

Chiediamo di illustrarci con maggiore completezza i plus e i valori dell’Azienda al titolare Rudy Panatta.

Il mondo del fitness ha subìto in questi anni una profonda accelerazione, sul fronte delle tecnicalità specifiche e dei desideri contemporanei. Come si posizione la Panatta in questo mercato, nazionale e internazionale?

Panatta Sport è lo specialista italiano del Fitness, per tutti, per tutte le età e per tutte le problematiche.
Non vendiamo Prodotti ma benefici che i nostri prodotti danno ai nostri clienti. Vendiamo Servizi che risolvono i problemi ai clienti e siamo la società della porta accanto, vicina, pronta, flessibile e reattiva. Ci siamo sempre differenziati per innovazione ed alta biomeccanica a totale rispetto della fisionomia umana e della corretta esecuzione dell’esercizio.

Quali sono gli asset produttivi, tecnologici e di design che la vostra azienda può esibire?


La nostra azienda si sviluppa su oltre 20.000 metri quadrati coperti, abbiamo 400 addetti tra diretti ed indiretti. Lavoriamo in tutto il mondo, copriamo 55 paesi con 40 distributori. Partecipiamo a fiere nazionali ed internazionali. La nostra offerta è la più ampia di mercato: abbiamo oltre 200 diversi prodotti a portfolio. Negli ultimi due anni abbiamo arricchito la nostra offerta con importanti novità: il cardio fitness Pininfarina e l’isotonico Air System con innovativa tecnologia pneumatica ad aria. Siamo l’azienda più creativa ed innovativa di questo settore, molte delle nostre attrezzature sono coperte da brevetto internazionale. In particolare, tra le linee speciali, si evidenziano il Kids System, progetto ludico sportivo dedicato ai bambini dai 5-11 anni e l’Oasis dedicato al mondo degli hotel/spa. Questo è un circuito di macchine con nessun meccanismo a vista, che possono essere predisposte ad isola. Ogni anno investiamo ricerca e sviluppo un’ampia parte del nostro fatturato. Internamente abbiamo un dipartimento Engineering che si avvale anche della consulenza di esperti di settore per lo sviluppo dei nuovi progetti.

Qual è la genesi della collaborazione con una realtà storica del 
design come Pininfarina?

Pininfarina è una firma indiscutibile del design made in Italy nel mondo. È un marchio molto noto a livello internazionale. 
La collaborazione con Pininfarina è una vera e propria partnership voluta da entrambi. L’obiettivo è stato quello di ideare e progettare una linea cardio fitness dal design unico ed innovativo, in grado di portare nel mercato una vera novità. Una linea tecnologica in grado di coprire una fascia di mercato molto importante. Per noi è stato un investimento di rilievo, che ha dato una svolta alla Panatta Sport, anche in termini di posizionamento.

Come è nata l’idea di creare una linea per bambini? Quali valori contiene?

Panatta Sport è da sempre sensibile alle esigenze della nostra società, e consci dell’elevato tasso di obesità infantile, abbiamo ideato, come ho già detto, una linea per i bambini dai 5 agli 11 anni. In questo progetto siamo stati supportati da pediatri e professionisti di settore. Il Kids System è un sistema ludico sportivo che permette ai bambini di memorizzare giocando le posture corrette per i movimenti basilari della vita di tutti i giorni. Le macchine, che sono state pensate in termini di design, sono dotate di sensori elettronici che guidano i bambini alla corretta postura.

La vostra azienda collabora con le realtà progettuali marchigiane: università, scuole di design, professionisti del territorio?

La Panatta Sport è molto presente nel territorio. Lavoriamo attivamente con università ed istituzioni per dimostrare che l’attività fisica migliora la qualità della vita. Ormai storica è la partnership con l’Università di Scienze Motorie di Urbino. Con questo ateneo oltre che sviluppare protocolli di allenamento, seguiamo non solo percorsi didattici ma anche progetti di ricerca dedicati alla terza età. Altri importanti legami sono quelli con l’Ospedale Salesi e l’Inrca, con i quali collaboriamo su progetti dedicati rispettivamente ai bambini ed alla terza età.

(intervista a cura di Cristiana Colli)