MENU

Ristrutturazione urbana del ‘Barrio di Colon’ a L’Avana

Un progetto di sviluppo futuro per la capitale cubana

 

UNICAM – Facoltà di Architettura di Ascoli Piceno Anno accademico: 2008 – 2009
Tesi di laurea specialistica in Architettura
‘Ristrutturazione urbana del “Barrio di Colon” a L’Avana’
Autore: Marco Melchiorre
Relatore: prof. Marco D’Annuntiis

Siamo finalmente atterrati all’Avana! Sulla Repubblica di Cuba, la maggiore delle Isole Antille situata all’entrata del Golfo del Messico in pieno mare caraibico. Ci accolgono ampie pianure fertili, palme, immense spiagge incontaminate e tutto il fascino della città più popolata dell’isola.

Attraverso lo studio della capitale si nota che solo le aree più vicine al Malecon sono quelle con più potenziale ad essere sviluppate architettonicamente e socialmente. Questa anomalia fa riflettere su come oggi soltanto la zona relativa al lungomare (appunto il Malecon) sia soggetta a studio di riqualificazione. Si dimenticano zone come Centro Avana (ed in particolare il Barrio di Colon) dove a poche decine di metri dal Malecon la situazione di degrado (anche strutturale) degli edifici è altissima. Una nota positiva è la presenza di assi viari che dal lungomare entrano verso il quartiere creando un rapporto tra popolazione cubana e popolazione turistica.
Questi rapporti sviluppano la dinamicità di tutta l’area circostante creando nuove centralità all’interno del quartiere e innalzando la qualità di vita della popolazione. Riflettendo sulla struttura urbana dei quartieri in relazione con la vita sociale ed economica della città è stato ipotizzato un progetto di sviluppo futuro per L’Avana, promuovendo l’intenzione di creare nuovi collegamenti tra il Malecon ed aree con potenziale sviluppo sociale ed economico; situazione che oggi avviene soltanto in due assi della città: Il Prado e La Rampa.

Analizzando il Barrio di Colon si notano tre zone su cui intervenire architettonicamente. Le tre zone si differenziano per la loro situazione architettonica circostante e per lo stato di degrado degli edifici. La prima zona tratta una parcella ad angolo che si affaccia sul Malecon e su Calle San Lazaro. Il concetto di inserire nel progetto urbano un hotel senza effettuare demolizioni, ma progettandolo in uno spazio già libero e attualmente occupato da un piccolo chiosco per bibite permetterà l’incremento del turismo verso il centro del quartiere lungo l’asse pedonale di Calle Aguila. Subito dopo pochi passi si raggiunge il secondo importante isolato in cui sono presenti due ex-edifici industriali e residenze degli anni ’20. L’intervento in questa zona propone di creare un isolato dedicato ad un centro sportivo e culturale che possa modificare la vivibilità del ‘Barrio di Colon’ migliorandone le potenzialità di sviluppo economico, turistico e culturale. L’edificio che si intende modificare a favore della creazione del centro culturale è un ex stabilimento industriale ristrutturato e attualmente utilizzato come magazzino per cavi elettrici.

Il nuovo centro sportivo prenderà il posto del capannone in lamiera d’acciaio attualmente destinato a uso di officina per autobus. Continuando verso l’interno del quartiere lungo il percorso pedonale su Calle Aguila raggiungeremo un piccolo asse trasversale (Calle Bernal) che attraverserà il nuovo centro residenziale del quartiere.
L’intervento previsto sarà la demolizione di vecchie abitazioni in modo da creare un nuovo parco urbano e nuove abitazioni residenziali che andranno a rimpiazzare quelle demolite. La differenza sostanziale punterà sui fattori di qualità abitativa, ampliamento degli spazi vivibili, ampliamento di aree verdi, creazione di spazi pubblici, creazione di spazi commerciali e di svago sia per anziani che per bambini. L’edificio residenziale presentato è protetto da una rete metallica su cui far crescere della sottile vegetazione in modo da filtrare i forti raggi solari caraibici durante le ore della giornata. La distribuzione, la forma e la dimensione delle nuove residenze progettate sono la naturale evoluzione, aperta a nuovo comfort, delle caratteristiche abitative cubane.

  • 5518g
  • 5519g
  • 5520g