MENU

Spazio Lavì!

Un’associazione per l’arte e la qualità del paesaggio

Dal giugno scorso è operativa nella sua sede di Sarnano (Mc) l’associazione culturale Spazio Lavì!, all’interno di una vecchia bottega del centro storico, la cui proprietaria, negli anni Trenta del Novecento, si chiamava Lavinia. Spazio Lavì! promuove la conoscenza dell’arte contemporanea intesa come comprensione della società multiculturale nelle sue relazioni con i luoghi di vita e con l’ambiente; e come mezzo di rappresentazione critica del paesaggio, scena privilegiata del complesso rapporto esistente tra le persone, da un lato, la tradizione e il cambiamento, dall’altro.
Sarnano è un centro storico posto a 539 m slm, nell’area del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Il paesaggio marchigiano, denso di panorami di grande bellezza, famoso per la dolcezza dei rilievi e per la persistenza delle sue forme rurali, si confronta sempre più spesso con modificazioni radicali, sulla costa e lungo le principali vie di penetrazione verso l’Appennino. Spazio Lavì! si propone di realizzare un programma espositivo capace di generare incontri tra pratiche artistiche diverse – fumetto, fotografia, disegno, video – e organizza seminari, incontri con gli artisti e convegni; promuove attività di formazione; realizza e diffonde pubblicazioni e materiale visivo e audiovisivo. Lo spazio è aperto come sede espositiva in luglio-agosto, dicembre-gennaio, durante le festività pasquali; e negli altri periodi dell’anno, su appuntamento. L’associazione intende avviare percorsi comuni con le principali istituzioni operanti nel territorio marchigiano nel campo della formazione e didattica dell’arte e dell’architettura.
Tra le prime collaborazioni in programma ci sono quelle con l’Accademia di Belle Arti di Macerata e la Scuola di Architettura di Ascoli Piceno. L’intento è di promuovere, d’intesa con gli enti locali – il Comune e la Provincia in primo luogo – iniziative di arte pubblica che coinvolgano giovani artisti allievi delle Accademie, ma anche delle scuole superiori, con le quali proporre progetti di miglioramento degli spazi pubblici.

Nel mese di agosto nello Spazio Lavì! si sono alternate brevi mostre di cinque giorni di artisti che si esprimono attraverso il mezzo fotografico, ognuno dei quali, con linguaggi diversi, ha proposto una riflessione sul paesaggio contemporaneo.

Betty Zanelli ha presentato la mostra Merry Go Round (a cura di Alice Rubbini), dedicata alle giostre e al mondo dell’infanzia. La seconda mostra, SIP e Bus (a cura di Piero Orlandi), è un lavoro di Giovanni Zaffagnini sul paesaggio urbano contemporaneo. Autore della terza mostra, Milano UP (a cura di Arianna Rinaldo) è Giovanni Hänninen, nato a Helsinki nel 1976 e risidente da tempo a Milano.
Per il periodo invernale sono state realizzate le mostre di Mili Romano, Crossing, a cura di Elena Pirazzoli (dal 19 al 30 dicembre), e di Michele Buda, Architetture, a cura di Roberto Maggiori (dal 2 al 6 gennaio 2013).

Monica Manfrini, Piero Orlandi