MENU

Una spiaggia per tutti

Rampa pedonale e ascensore a Palombina Nuova di Ancona

Luogo: Ancona
Committente: Comune di Ancona
Progetto architettonico: Claudio Larice
Servizio Pianificazione Urbanistica Attuativa: Comune di Ancona
Strutture: Franco Antonini Lanari con Alberto Fattori
Direzione Lavori: Nicola Palumbo
Anno di redazione del progetto: 1999
Anno di esecuzione: 2000-2001
Costo dell’intervento: lire 950.000.000
Impresa esecutrice: Ubaldi Costruzioni Srl (AP)

Foto: Claudio Larice

Il luogo

La spiaggia di Palombina Nuova, caratterizzata da un arenile con fondo sabbioso, fin dai primi del novecento si identifica come la spiaggia di Ancona, essendo le altre località balneari, ad esclusione del “Passetto”, ancora  poco conosciute.
Oggi questa località – una volta meta preferita da anconetani, ma anche da turisti delle  regioni centrali – resta, nonostante il notevole degrado fisico ed ambientale dovuto alla forte urbanizzazione della costa e alla presenza di una raffineria (Falconara), un luogo fortemente frequentato. L’arenile di Palombina Nuova è raggiungibile attraverso i due sovrappassi ferroviari: il primo, in corrispondenza della stazione ferroviaria di Palombina, il secondo più a nord verso Falconara; oppure mediante gli innumerevoli sottopassaggi stretti ed angusti, buona parte dell’anno allagati dalle piogge. Per questa ragione persone con ridotte capacità motorie trovano difficoltà a raggiungere l’arenile.

Il progetto

Con questo intervento l’Amministrazione Comunale di Ancona ha voluto rendere più facilmente accessibile l’arenile di Palombina Nuova. Il progetto cerca sia di risolvere il problema dell’accessibilità, attraverso il dispositivo architettonico della rampa pedonale seguito da quello dell’ascensore, pensato per facilitare l’arrivo all’arenile a tutti i fruitori, sia di dare una forte identità all’oggetto, grazie ad una forma originale che richiama elementi del contesto marinaro quali gli alberi, gli stralli, le vele e la prua della nave. Analizzate le caratteristiche fisiche degli unici due punti di attraversamento della ferrovia, si è deciso di localizzare l’opera in corrispondenza al sovrappasso ferroviario a nord dell’abitato di Palombina per una migliore condizione spaziale.
La rampa pedonale è pensata come un organismo segmentato, ma allo stesso tempo compatto attraverso la struttura muraria, costituita da pareti inclinate a mo’ di costruzione, rivestita con lastre di pietra grigia e bianca poste a disegno alternato. Alla compattezza formale della rampa si contrappone, sostenuta da quattro pennoni metallici, la leggerezza di una copertura metallica, dalla forma di grande “vela” mossa dal vento, strallata da cavi.
Attraversata la rampa si accede agevolmente all’arenile grazie ad un corpo ascensore, che si segnala come punto di riferimento con la sua particolare forma a prua di nave.
I materiali usati nell’intervento sono: basoli di granito per la pavimentazione della piazzetta lungo la S.S. Flaminia; pietra di Muggia ed Aesina in tutti i rivestimenti del corpo rampa; acciaio nella struttura di copertura della rampa e nelle balaustre a lato dell’ascensore e nella scala; cemento armato faccia a vista nel corpo ascensore.

  • Una spiaggia per tutti
  • 1164g
  • 1166g
  • 1167g
  • 1168g
  • 1169g
  • 1170g