MENU

Una casa performante

13 gennaio 2015 Visualizzazioni: 911 Restauro

progetto di Annalisa Schiavoni

Dopo aver osservato le potenzialità dei luoghi, la scelta del tema è stata riportare luce e leggerezza a quegli ambienti che, fino a quel momento, avevano tutte le tipicità di un casale tradizionale.

Il compito: trasformare una tipica casa di campagna piena di suggestioni e ricordi, in una casa moderna e funzionale. I proprietari, un libero professionista e la sua compagna, avevano esigenze precise per sé e per accogliere i loro amatissimi quattro jack russell.

Le indicazioni non erano unicamente rivolte al requisito estetico, ma a una casa “performante” cioè oltre che bella, anche capace di soddisfare molteplici funzioni. Dopo aver attentamente ascoltato le esigenze dei committenti e dopo aver osservato le potenzialità dei luoghi, la scelta del tema è stata riportare luce e leggerezza a quegli ambienti che, fino a quel momento, avevano tutte le tipicità di un casale tradizionale. I soffitti con travi a vista in rovere scuro sono stati tinti di bianco, i pavimenti in cotto rivestiti con microcemento avorio nella zona giorno e con legno verniciato bianco nella zona notte, e le pareti dai toni pastello trattate con calce naturale. Il candore ritrovato con i materiali e le finiture scelte, ha trovato ulteriore risalto dal maggior apporto di luce naturale ottenuto con l’intervento sulle bucature esistenti. Alcune finestre infatti sono state trasformate in porte finestre e i nuovi infissi in legno bianco sono stati montati ad anta unica. La suddivisione interna andava anch’essa migliorata. L’ingresso principale, da semplice disimpegno, ha riacquistato entità di ambiente vero e proprio grazie all’istallazione di una stufa a pellet in ferro nero e ad un angolo lettura. La cucina, troppo piccola e mal affacciata a un grande soggiorno è stata totalmente ripensata e ampliata. Ora comunica direttamente con la zona pranzo e camino, schermata solo da un’ampia penisola. Alle spalle della cucina, esposta a sud, la pergola. Questa, prospiciente un magnifico prato con vista sulle colline di Offagna, è stata chiusa con una serie di grandi vetrate. Tutto qui è stato schiarito, dai pavimenti ai soffitti ed arredato con semplici mobili dalla tenue laccatura. Ora è uno spazio versatile dove i proprietari possono mangiare, guardare la tv e rilassarsi su due comode dormeuse circondati dal verde. La zona notte che si trova al primo piano, è stata completamente rivista.Caratterizzata da un impianto vecchio stile con un lungo e poco luminoso corridoio prima, nel progetto acquista nuova luminosità grazie a un’appendice creata da uno spogliatoio aperto completamente, rivestito di specchi che ne varia totalmente la percezione. Da qui si accede al bagno, dalle dimensioni generose, con una grande vasca ed una doccia a filo pavimento. Delle due camere quella padronale è decisamente molto spaziosa, vi si accede attraverso una grande porta a bilico a tutta altezza. Alla scelta dei corpi illuminanti è stata dedicata particolare cura optando per punti specifici da illuminare e creando giochi di chiaroscuro. Si alternano discreti faretti segnapasso, applique ad incasso, lampade in ottone naturale e pochi pezzi “vistosi”, come la lampada a luce led posta sopra la penisola della cucina e le applique in velluto decorato della zona notte. Gli esterni hanno subito pochissimi cambiamenti se non la sbiancatura delle travi del portico, la colorazione panna delle pareti a calce e una nuova illuminazione.

Sfoglia la rivista Mappe 1/31
  • Prospetto principale
  • Veranda
  • Vista della sala da pranzo con camino