MENU

Verde, acqua, luce – Per un’architettura di emozioni

29 settembre 2015 Visualizzazioni: 582 Interni, Esterni

Progetto di Gianni Raffaeli

Nella ricerca di un equilibrio tra architettura e natura, il verde, la luce e l’acqua diventano gli elementi protagonisti del progetto. Una rigorosa organizzazione degli spazi interni, caratterizzati da ampie vetrate calibrate per dilatare gli ambienti ed evidenziare quadri prospettici, e una lunga vasca d’acqua, che penetra nell’edificio separando la zona notte dal soggiorno amplificano la qualità emotiva degli spazi, arricchiti da un rapporto visivo intenso e continuo tra interno ed angoli suggestivi di giardino. La modernità del costruito si intreccia con il giardino per creare un legame di forte integrazione recuperando anche elementi della tradizione come la pergola, il portico, il patio.

Nella ricerca di un equilibrio tra architettura e natura, il verde, la luce e l’acqua diventano gli elementi protagonisti del progetto. Una rigorosa organizzazione degli spazi interni, caratterizzati da ampie vetrate calibrate per dilatare gli ambienti ed evidenziare quadri prospettici, e una lunga vasca d’acqua, che penetra nell’edificio separando la zona notte dal soggiorno amplificano la qualità emotiva degli spazi, arricchiti da un rapporto visivo intenso e continuo tra interno ed angoli suggestivi di giardino. La modernità del costruito si intreccia con il giardino per creare un legame di forte integrazione recuperando anche elementi della tradizione come la pergola, il portico, il patio.

L’edificio unifamiliare è stato realizzato a Chiaravalle (An), Comune della bassa vallata dell’Esino, alla periferia dell’abitato in un lotto residenziale di completamento di forma rettangolare allungata (m 30×100) con edificabilità limitata alla porzione confinante con l’edificato esistente. Ciò ha determinato la scelta di concepire un edificio chiuso e introverso sui tre lati prospicienti gli edifici presenti privilegiando il rapporto visivo e diretto con il profondo giardino sul quarto lato. La casa è organizzata su un unico livello, leggermente rialzato dal piano di campagna, in cui tutti gli ambienti hanno accesso diretto al giardino. La costruzione è il risultato dell’aggregazione di tre elementi. Un lungo corpo contenente la zona giorno di maggiore altezza che si confronta volumetricamente con un edificio prospiciente a quattro piani. Presenta un prospetto chiuso, rivolto a nord, che elimina ogni problema di introspezione. La lunga e stretta falda di copertura inclinata a sud contiene gli impianti solari e crea all’interno un alto volume attrezzato a libreria e illuminato da una fascia vetrata superiore esposta a nord. Il secondo elemento, organizzato perpendicolarmente al primo, contiene la zona notte con tutte le camere con vista verso il giardino e con uscita su un pergolato in legno. Il terzo volume, costituito dal garage, leggermente ruotato, presenta una copertura sistemata a tetto giardino e definisce un cortile protetto accessibile dalla cucina. Si tratta di un edificio ad elevata sostenibilità ambientale realizzato con struttura in legno con sistema Platform ed impiantistica ad alta efficienza energetica. La casa è dotata di impianto fotovoltaico e solare termico integrati in copertura e climatizzata con impianto di riscaldamento/ raffrescamento a pannelli radianti alimentato da pompa di calore con scambio ad acqua di falda. Anche la ventilazione naturale è favorita dalla circolazione dell’aria che si crea tra la vasca e la fascia vetrata sommitale del volume libreria.

Sfoglia la rivista Mappe 6